Contattaci subito
torna indietro

Stili di comunicazione sul posto di lavoro per le piccole imprese

Dire che una buona comunicazione sul posto di lavoro influisce sui profitti finanziari è un eufemismo. In un recente sondaggio condotto su 400 aziende con oltre 100.000 dipendenti, la perdita media stimata per azienda a causa di scarsa comunicazione è stata di $ 62,4 milioni. Le sfide di comunicazione che devono affrontare le piccole imprese con team più piccoli potrebbero non essere complesse o costose come una società internazionale, ma possono essere ugualmente dannose per la salute e il successo generale dell'azienda.

Secondo uno degli autori più acclamati del momento del NY Times Mark Murphy, ci sono quattro tipi di stili di comunicazione fondamentali: analitico, intuitivo, funzionale e personale. Mentre afferma che nessuno stile è migliore di qualsiasi altro, capire il tuo stile può aiutarti lavorare in maniera migliore, nel condividere e ricevere informazioni importanti con gli altri. Ecco di seguito i quattro stili di Murphy con i propri pro e contro.

 

Comunicatori analitici

I comunicatori analitici sono spesso classificati come persone amanti dei grafici e guidate dai dati. Spesso si concentrano su fatti e proiezioni, amano citare cifre e statistiche e tendono a fare affidamento sul processo decisionale basato sui dati. Al contrario, possono sentirsi frustrati se sentono che qualcuno nella loro squadra stia prendendo decisioni senza una buona padronanza dei numeri.

  • Pro: i comunicatori analitici forniscono una solida base per i colleghi in situazioni stressanti, in quanto possono aiutare a prendere decisioni usando la ricerca, i fatti e la logica.
  • Contro: la dipendenza dei comunicatori analitici da fatti e statistiche può essere vista come "gelida" dai colleghi, che si concentrano sull'emozione o sull'intuizione.

Cosa puoi fare per migliorare: se sei un Comunicatore Analitico, prova a esercitare la pazienza con i colleghi che potrebbero non tenere traccia delle cose in modo analitico come te. Potresti anche prendere in considerazione di fare spazio all' emotività. In particolare, è importante provare ad aggiungere elementi visivi e iniziare con un riepilogo di come i risultati abbiano un impatto sull'immagine generale. Inserisci tutte le diapositive di dati nell'appendice e preparati a non renderle pubbliche a meno che non venga richiesto.

 

Comunicatori intuitivi

I comunicatori intuitivi sono grandi pensatori che tendono a desiderare prima la linea di fondo, senza molti dettagli. 

  • Pro: I Comunicatori Intuitivi possono essere molto efficienti poiché si focalizzano  sui punti più importanti. Le loro comunicazioni sono generalmente veloci e mirate. Tendono a sperimentare nuove sfide e il pensiero creativo da "quadro generale", quindi sono candidati ideali per sessioni di brainstorming.
  • Contro: alcune situazioni richiedono la ricerca dei dettagli. Ad esempio, i Comunicatori intuitivi possono perdere punti chiave a meno che non vengano forniti riepiloghi regolari per tenerli "a bordo".

Cosa devi fare per migliorare: i Comunicatori Intuitivi possono avere difficoltà a comprendere i processi di pensiero dei Comunicatori Analitici ossessionati dai dati, nonché le esigenze dei Comunicatori Funzionali, che vogliono percorrere metodicamente tutti i loro processi. Se sei un comunicatore intuitivo che gestisce coloro che sono analitici o funzionali, chiedi loro di iniziare le riunioni con un riepilogo. Questo aiuta a orientare tutti e può aiutare tutte le parti coinvolte ad accedere allo stesso modo ai contenuti.

 

Comunicatori funzionali

I comunicatori funzionali sono persone di processo. A loro piace suddividere le attività di grandi dimensioni in attività più piccole e amano le tempistiche, le lavagne e i grafici.

  • Pro: I comunicatori funzionali sono straordinari project manager perché tendono a prestare attenzione ai dettagli e sono bravi ad assicurarsi che nulla vada storto. Possono anche aiutare a mantenere il personale sulla buona strada facendo il duro lavoro di pianificazione. I comunicatori funzionali sono anche ottimi per ipotesi impegnative e possono aiutare un team a pensare all'impatto delle diverse scelte future.

Contro: L'aspetto negativo di essere un comunicatore funzionale è che coloro che non la pensano in questo modo a volte possono annoiarsi. Entrare nei piccoli dettagli di un progetto può rischiare di far perdere l'attenzione all'interlocutore.

Cosa devi fare per migliorare: ricorda che alcune persone, in particolare i Comunicatori intuitivi, possono sentirsi sopraffatti e impantanati da un approccio metodico. Fornendo loro un riepilogo e quindi sottolineando i dettagli chiave in seguito, sarai in grado di mantenere l'attenzione di tutti nella stanza. Nelle riunioni, cerca di concentrarti meno sui dettagli di ciò che è già accaduto e di più sull'impatto delle scelte future.

 

Comunicatori personali

I comunicatori personali sono la colla che tiene insieme la vita sociale ed emotiva dell'ufficio. Danno un valore elevato ai sentimenti e alla connessione emotiva e usano le loro forti capacità interpersonali per capire ciò che gli altri "pensano veramente". Sanno che ottenere il consenso e la collaborazione richiede fiducia e la fiducia si basa sull'emozione piuttosto che sui fatti.

  • Pro: i Personal Communicator sono i diplomatici dell'ufficio, spesso chiamati per aiutare a ridurre le tensioni. I loro contributi possono variare dall'aiutare a trasmettere idee diverse, a risolvere le tensioni su alcune delle piccole ma fastidiose criticità sul posto di lavoro, come ad esempio il modo in cui viene gestito il frigorifero comune.
  • Contro: a volte i Personal Communicator possono sembrare eccessivamente emotivi o "permalosi". Ciò è particolarmente evidente per coloro che sono meno in sintonia con le emozioni o che possono scegliere di mantenere un comportamento più abbottonato al lavoro.

 

Cosa devi fare per migliorare: prova a ricordare che non tutti utilizzano il tuo medesimo approccio. Mantieniti concentrato sulla costruzione di connessioni con coloro che sono disposti a farlo, dando agli altri lo spazio di cui hanno bisogno per avere successo.