Contattaci subito
torna indietro

L'I.O.C. e il Giappone accettano di rinviare le Olimpiadi di Tokyo

"Dopo mesi di discussioni interne e crescenti pressioni da parte di nazioni e atleti di tutto il mondo, il Comitato Olimpico Internazionale (I.O.C.) rinvierà i Giochi di Tokyo che avrebbero dovuto iniziare a fine luglio", ha dichiarato martedì il Primo Ministro giapponese Shinzo Abe.

I Giochi, il più grande evento sportivo del mondo, si terranno invece nell'estate del 2021, un cambiamento che probabilmente causerà il caos con i programmi sportivi, ma che dovrebbe portare grande sollievo agli atleti, agli organizzatori e ai funzionari sanitari che hanno insistito per un ritardo e si sono lamentati contro l'I.O.C., il quale sino a questa settimana non si è mosso abbastanza rapidamente per adattarsi alla pandemia di coronavirus.

La decisione è diventata inevitabile dopo che il comitato olimpico nazionale in Canada ha annunciato che si sarebbe ritirato dai Giochi e il comitato australiano ha vietato ai suoi atleti di allenarsi per questa estate sotto le diffuse restrizioni in atto per controllare il virus. Il Comitato Olimpico e Paralimpico degli Stati Uniti, dopo aver inizialmente rifiutato di prendere posizione, si è unito alla mischia lunedì sera, sollecitando l'I.O.C. a rimandare.

Nell'annunciare la decisione, Abe ha affermato di aver chiesto a Thomas Bach, presidente dell' I.O.C., un ritardo di un anno e che Bach "ha concordato al 100 percento".

Le Olimpiadi hanno evitato più volte i rinvii, anche in seguito agli attacchi terroristici dell'11 settembre 2001 e ad un altro attacco durante le Olimpiadi di Monaco del 1972. Questo ritardo è arrivato dopo numerosi altri rinvii o cancellazioni in Giappone e nel mondo, e dopo che molti governi hanno esortato le persone a limitare le loro interazioni fisiche.

In una conferenza stampa, Yoshiro Mori, il presidente del comitato organizzatore di Tokyo, ha affermato che le date e i dettagli dell'evento del 2021 non sono ancora stati determinati. "Non so cosa succederà", ha detto. “Forse ridurremo la scala. Ne discuteremo in futuro. "

La decisione ha ottenuto rapidamente il sostegno dei comitati olimpici nazionali di tutto il mondo. In una dichiarazione, Andy Anson, amministratore delegato della British Olympic Association, ha dichiarato che il rinvio è stata l'unica decisione che la sua organizzazione potrebbe supportare. "Sarebbe stato impensabile per noi continuare a prepararci per le Olimpiadi in un momento in cui la nazione e il mondo intero affrontano grandi difficoltà", ha detto Anson.

In una teleconferenza tenutasi a marzo tra l'Organizzazione mondiale della sanità e gli ufficiali medici delle federazioni sportive internazionali che sovrintendono agli eventi olimpici, i partecipanti hanno discusso di altre opzioni, inclusa la possibilità di tenere i Giochi senza spettatori. Alla fine, gli organizzatori hanno deciso che il ritardo avrebbe concesso più tempo per controllare il virus. Anche la staffetta della torcia olimpica attraverso il Giappone, prevista per giovedì, è stata rinviata. La fiamma rimarrà a Fukushima, luogo del disastro nucleare innescato da un terremoto e uno tsunami nove anni fa.

In un momento in cui l'economia giapponese sta già inciampando, con il ritardo delle Olimpiadi potrebbe subire un duro colpo. In un rapporto all'inizio di questo mese, SMBC Nikko Securities Inc. ha previsto che una cancellazione dei Giochi avrebbe cancellato l'1,4 per cento della produzione economica del Giappone. Uno degli aspetti più difficili dello spostamento dei Giochi è la gestione dei diritti di trasmissione che generano entrate significative per il Comitato Olimpico Internazionale. Quasi tre quarti delle entrate provengono dai diritti di trasmissione e circa la metà di tali tasse sono pagate dall'emittente americana NBC. Gli esperti hanno affermato che la trasmissione e altri partner olimpici potrebbero chiedere una riduzione delle loro tasse.

Le complicazioni si propagheranno oltre i Giochi stessi. Gli enti governativi internazionali per atletica leggera e nuoto hanno pianificato di organizzare campionati mondiali e dovranno lavorare con i loro atleti e le città ospitanti per respingere tali eventi, insieme a eventi importanti in altri sport.

Fino ad ora, le Olimpiadi non erano state cancellate o rinviate dalla seconda guerra mondiale. Tokyo avrebbe dovuto ospitare i Giochi estivi nel 1940, ma dovette rinunciare dopo essere andato in guerra con la Cina. I Giochi furono poi assegnati a Helsinki, ma furono cancellati dopo lo scoppio della guerra in Europa. Helsinki alla fine ha ospitato i Giochi estivi del 1952 e Tokyo li ha tenuti nel 1964.

Le Olimpiadi estive attirano più di 10.000 atleti provenienti da oltre 200 paesi e l'I.O.C. è orgoglioso di essere un movimento per la pace che riunisce il mondo ogni due anni ai Giochi invernali ed estivi. Con questo in mente, oltre ai miliardi di dollari che erano stati investiti nei Giochi, Bach rimandò la sua decisione per mesi, in attesa di vedere se la minaccia della pandemia si sarebbe dissipata. In definitiva, la prospettiva di peggiorare la situazione si è rivelata un rischio troppo grande per un'organizzazione che si basa in gran parte sulla buona volontà delle persone e dei governi di tutto il mondo per il superamento di una tale crisi.

Il coronavirus è scoppiato inizialmente in Cina a dicembre, ma si è rapidamente diffuso in tutta l'Asia. Mentre sembra essersi stabilizzato in qualche modo in Giappone, molti esperti sono convinti che riunire persone provenienti da diverse parti del globo - in particolare gli atleti che vengono ospitati nel villaggio olimpico - potrebbe innescare un ulteriore diffusione del contagio.