Contattaci subito
torna indietro

La Brexit colpirà le forniture di ortaggi freschi britanniche?

Mentre l'incertezza incombe sul futuro delle relazioni del Regno Unito con l'UE, i porti europei che inviano milioni di tonnellate di merci in Gran Bretagna hanno pianificato ogni eventualità, inclusa la prospettiva di una Brexit senza accordi. I loro piani saranno sufficienti per evitare il caos?

Per secoli, chiatte dalle vie navigabili interne d'Europa e navi da tutto il mondo hanno navigato dentro e fuori dal porto di Rotterdam, oggi considerato il decimo più grande al mondo. Ogni anno gestisce "circa 470 milioni di tonnellate di merci - circa lo stesso volume di quelle gestite insieme in tutti i porti britannici", afferma Leon Willems dell'Autorità portuale di Rotterdam. I funzionari sono orgogliosi dell'efficienza delle operazioni. Gran parte di questo è dovuto all'uso di un sistema elettronico noto come Portbase, che gestisce una miriade di documenti digitalizzati come prenotazioni di trasporto e dichiarazioni personalizzate, eliminando la necessità di scartoffie fisiche. 

Ma c'è un altro importante settore occupato dai Paesi Bassi meridionali che è allo stesso modo orgoglioso della sua produttività: l'agricoltura. La strada da Rotterdam verso il Mare del Nord è delimitata per miglia da vaste aree di serre. L'intensità dell'agricoltura qui ha contribuito a trasformare il paese in uno dei maggiori esportatori di alimenti al mondo. "Ha a che fare con l'efficienza degli agricoltori", afferma Michel van der Maas dell'autorità olandese per la sicurezza alimentare."Dato che siamo un piccolo paese, abbiamo imparato a fare le cose in una zona affollata."

L'efficienza degli agricoltori olandesi è rispecchiata da un processo di consegna regolare e veloce. Annika Hult, direttore del commercio del Mare del Nord per l'operatore di traghetti Stena Line, afferma che un supermercato britannico può effettuare un ordine per i pomodori al mattino e gli articoli possono essere sugli scaffali il giorno seguente.

Ma alcuni imprenditori olandesi temono che la Brexit manderà tutto all'aria. Ad esempio, Mart Valstar gestisce Best Fresh, una grande impresa familiare che importa ed esporta prodotti alimentari da e verso dozzine di paesi, incluso il Regno Unito. Afferma che molti degli ingredienti di una tradizionale colazione inglese, come pancetta e pomodori, sono spesso importati. Le statistiche sembrano confermarlo - secondo la British Meat Processors Association, il Regno Unito è un importatore netto di carne suina. I pomodori sono la preoccupazione particolare di Valstar: "Il prezzo è fissato giornalmente e ogni giorno c'è una nuova consegna. Se esiste una Brexit senza accordi sulle dogane e sui dazi all'importazione, ci saranno lunghi ritardi alla dogana". Teme che le spedizioni possano arrivare così tardi che la qualità del prodotto non potrà più essere garantita.

Al momento, le merci possono circolare liberamente tra Regno Unito e Paesi Bassi (e altri paesi dell'UE) senza alcun controllo nel porto. Ma dopo una Brexit senza accordi, il Regno Unito non farà più parte dell'unione doganale dell'UE - e qualunque accordo alla fine si manifesti, l'autorità portuale di Rotterdam si aspetta che cessino gli attuali accordi di frontiera senza attriti.

È l'introduzione dei processi doganali che teme il signor Valstar: ciò ritarderà le consegne dei suoi prodotti e quelli di molti altri. Ma le sue paure sono giustificate?

Leon Willems afferma che le autorità e le imprese olandesi hanno già effettuato preparativi approfonditi per garantire che qualsiasi interruzione che la Brexit potrebbe causare sia ridotta al minimo. Cita l'esempio delle dogane olandesi, che ha assunto centinaia di personale extra per aiutare a gestire i milioni di nuovi controlli amministrativi che saranno necessari dopo la Brexit. E anche altre organizzazioni hanno preso provvedimenti. L'autorità olandese per la sicurezza alimentare ha assunto quasi 150 membri del personale in più, compresi circa 100 "veterinari Brexit" per contribuire a far fronte a un forte aumento dei controlli sui prodotti alimentari una volta che la Gran Bretagna lascerà l'UE. Ma questi preparativi saranno sufficienti per minimizzare il potenziale caos derivante da una Brexit senza affare?

Per quanto riguarda i preparativi della Brexit nel Regno Unito, HM Revenue and Customs afferma che "la priorità del governo è quella di mantenere le merci in movimento ed evitare ritardi alla frontiera" e che, in quanto autorità doganale del Regno Unito, "agirà per garantire che i processi alle frontiere siano il più fluidi possibile, senza compromettere la sicurezza ". I suoi piani includono procedure semplificate per alcune merci in arrivo dall'Europa, al fine di ridurre al minimo la potenziale congestione del traffico. Queste misure consentiranno a molti camion di passare rapidamente attraverso porti come Dover, con le formalità doganali che verranno trattate in seguito.