Contattaci subito
torna indietro

Controlli sull'app Zoom, la più usata ai tempi del Covid-19

L'app di videoconferenza Zoom è stata sottoposta a un attento esame mentre la sua popolarità continua ad aumentare durante la pandemia di coronavirus.

Il procuratore generale di New York ha scritto alla ditta sollevando preoccupazioni sulla sua capacità di far fronte all'aumento degli utenti.

L'app Zoom viene ogni giorno utilizzata da milioni di persone per lavoro e svago, poiché in molti paesi è stato imposto il divieto di uscire dalla propria abitazione. Ma le sue misure di sicurezza e privacy dei dati sono state messe in discussione. Nella lettera del procuratore generale di New York, Letitia James, viene chiesto a Zoom se avesse rivisto le sue misure di sicurezza da quando la sua popolarità è aumentata. Ha anche sottolineato che in passato l'app era stata lenta ad affrontare i problemi.

In risposta a una richiesta della BBC per un commento, un portavoce dell'azienda ha dichiarato: "Zoom prende molto sul serio la privacy, la sicurezza e la fiducia dei suoi utenti. Durante la pandemia di Covid-19, lavoriamo 24 ore su 24 per garantire che ospedali, università, scuole e altre aziende in tutto il mondo possano rimanere in contatto ed essere operativi senza problemi. Apprezziamo l'impegno del procuratore generale di New York su questi temi e siamo felici di fornirle le informazioni richieste ", ha aggiunto.

Gli utenti si sono precipitati su Zoom mentre i governi di tutto il mondo ordinavano a gran parte della loro popolazione di rimanere a casa per rallentare la diffusione del virus. Ora è classificata come l'app numero due e numero uno nel Regno Unito e negli Stati Uniti, rispettivamente.

Zoom ha avuto in passato difetti di sicurezza, tra cui una vulnerabilità che ha permesso a un utente malintenzionato di rimuovere partecipanti dalle riunioni, falsificare i messaggi degli utenti e dirottare schermate condivise. Un altro vide gli utenti Mac effettuare chiamate a loro insaputa.

Inoltre, non offre la crittografia end-to-end, secondo la pubblicazione di notizie online di The Intercept. Nessuno, a parte i partecipanti, dovrebbe vedere una riunione.

Zoom ha dichiarato: "Attualmente, non è possibile abilitare la crittografia E2E per le riunioni video Zoom." Ciò significa che Zoom può accedere al video e all'audio delle riunioni, ha riferito. Poiché utilizza domini di posta elettronica per identificare gli utenti che potrebbero trovarsi nella stessa azienda, il servizio consentirà ai clienti dei piccoli fornitori di servizi Internet di vedere i dati personali degli altri, secondo la scheda madre del sito Web di Vice. La società ha infine  dichiarato a Motherboard che aggiorna regolarmente un elenco di provider di posta elettronica privati ​​per evitarlo.

Inoltre l'app è stata anche criticata per la sua funzione di "tracciamento dei partecipanti", che, quando abilitata, consente all'host della chiamata di Zoom di verificare se i partecipanti fanno clic lontano dalla finestra principale di Zoom durante una chiamata. Più di recente, il primo ministro britannico Boris Johnson ha twittato un'immagine di se stesso che presiedeva una riunione del governo usando Zoom, portando a domande su quanto fosse sicuro.

La società ha respinto queste preoccupazioni, dicendo alla BBC: "A livello globale, 2000 istituzioni che vanno dalle più grandi società di servizi finanziari del mondo ai principali fornitori di telecomunicazioni, agenzie governative, università, assistenza sanitaria e pratiche di telemedicina hanno fatto esaurienti revisioni di sicurezza dei nostri utenti, rete e livelli di data center selezionando con sicurezza Zoom per una distribuzione completa. Siamo in stretta comunicazione con il Ministero della Difesa del Regno Unito e il National Cyber ​​Security Centre e ci concentriamo sulla fornitura della documentazione di cui hanno bisogno."